Gli accorgimenti antiraffreddore

Naso chiuso, congestione, occhi che lacrimano e mente poco lucida. Il raffreddore sarà anche un disturbo benigno ma può risultare davvero invalidante.

Tenere a bada i sintomi.

Sebbene la medicina non abbia ancora trovato un farmaco capace di eliminare i virus che ne sono la causa, i sintomi possono essere tenuti a bada con alcuni accorgimenti. Innanzitutto è importante mantenere sempre il naso pervio e pulito. Per fare ciò non bastano i fazzoletti: bisogna ricorrere a uno Spray Nasale a base di Soluzione Fisiologica, che facilita l’eliminazione del muco. La soluzione fisiologica può essere usata anche per la pulizia degli occhi arrossati e lacrimanti. È importante soffiarsi il naso regolarmente, ma nel modo giusto. Non serve fare troppa forza, perché si rischia di spingere i germi all’interno dei condotti uditivi e dei seni paranasali, provocando otiti e sinusiti. Meglio chiudere una delle narici e soffiare dolcemente con l’altra.

Alimentazione, ambienti e rimedi.

Un aiuto può venire anche dall’alimentazione: benissimo succhi e tisane, ottima anche la zuppa di pollo, rimedio della nonna: alcuni studi hanno dimostrato che ha un effetto antinfiammatorio e che fluidifica il muco. Infine è importante evitare gli ambienti in cui l’aria è molto secca, inquinata o polverosa. In quel caso è bene ricorrere a un umidificatore che abbatta gli elementi irritanti e attenui la secchezza.

È bene anche sapere che cosa non serve ad accorciare la durata dell’infezione: attenzione agli antibiotici, che uccidono i batteri ma non i virus. Non sono utili neanche i supplementi di vitamina C che, in diversi studi, hanno dimostrato di non avere effetti sui sintomi.

Chiedere consiglio al pediatra per determinare se l’infezione è di tipo virale o batterico.