Proteggere le mucose
con l’aloe vera

Quando il bambino supera i due anni di età, la gestione del raffreddore diventa più semplice, perché il piccolo generalmente ha già imparato a soffiarsi il naso. Ci sono però alcuni accorgimenti messi in atto nei primi 24 mesi di vita che rimangono validi: è importante limitare la congestione nasale, specie nelle ore notturne, per favorire il riposo e la ripresa generale; è essenziale fare in modo che le mucose non si secchino, anche per via dello smog e del riscaldamento domestico, perché in tal caso si possono formare piccoli tagli dolorosi all’ingresso della narice.

La natura “sensibile”.

Per ovviare a ciò si può ricorrere a uno spray nasale con Aloe Vera. L’estratto di Aloe Vera ha, infatti, proprietà emollienti. Molte medicine tradizionali (fin dall’antichità) ricorrono alle proprietà di questa pianta, in grado di favorire l’idratazione dei tessuti: esattamente ciò di cui ha bisogno il bambino raffreddato, che si soffia il naso ripetutamente. Questo piccolo gesto indispensabile, se effettuato senza prima aver facilitato l’operazione con un prodotto appositamente concepito, può diventare fonte di irritazione per le mucose nasali e per la cute delle narici e del labbro superiore. Talvolta questa irritazione diventa per il bambino più fastidiosa del raffreddore stesso.